Trucchi per fare un trasloco e sistemare gli oggetti nella nuova casa velocemente

Fare un trasloco è come lavorare infatti bisogna pulire, sistemare, catalogare, collocare tutto nelle scatole, disfare i “bagagli” e molto altro ancora. Insomma, stanca, stressa e non si rivela tanto positivo per chi lo deve fare, molto meglio quando è tutto finito dunque!

 

Le regole per far filare tutto liscio sono diverse, per esempio la nuova abitazione va sfruttata al meglio quindi lo spazio deve essere organizzato tutto da capo. C’è il fattore pulizia, una casa nuova ha sempre bisogno di essere pulita a dovere. Inoltre nelle stanze è bene non mettere scatoloni con oggetti che non c’entrano proprio niente, come nella camerina la roba di cucina! Per far questo è sufficiente catalogarle, quindi con un pennarello indelebile scrivere quale parte della casa rappresenta lo scatolone come “bagno”, “camera” e via così.

 

Traslocare a Brescia può essere problematico senza esperienza nei traslochi, proprio per questo è sempre meglio conoscere il terreno in cui si gioca. Anche l’aiuto di professionisti non è affatto da escludere, noleggiando un furgone per esempio si risparmia denaro e fatica. Ma di questo parleremo dopo. Ecco alcuni consigli utili per fare un trasloco sereno e senza stress.

 

Trucchi per fare un trasloco in modo efficiente

Per un buon trasloco è importante non tralasciare niente, quindi serve qualcosa per scrivere come un pennarello a punta media e di un colore scuro. Dello scotch da imballaggio e diversi scatoloni (misura media e grande). Una volta che nei contenitori è stato scritto cosa possono contenere è più facile evitare il caos. C’è chi non usa questa strategia e si ritrova nella confusione.

 

Sapere con certezza il tempo necessario per il trasloco è utile per lavorare sull’organizzazione. Per esempio se occorrono due giorni magari è meglio farlo cadere nel fine settimana quando una persona ha più tempo libero. Inoltre c’è da pulire casa vecchia e casa nuova, quindi va organizzato anche il tempo per queste due faccende. L’abitazione in cui non è ancora stato messo piede per viverci come è messa? Ci sono dei lavori da fare? Va ristrutturata (quindi tempo, denaro e sporcizia che si aggiunge)? Ha bisogno di molte pulizie? Anche questo deve essere calcolato ovviamente!

 

In molti decidono di buttare via delle cose o di vederle prima di cambiare appartamento. I motivi possono essere variabili, per esempio mobili danneggiati e che occupano troppo spazio, arredamento non centrato con la nuova casa e molto altro ancora. Avendo le idee chiare sul cosa tenere e cosa evitare di mettere nel furgone-vettura permettere di semplificare tutto, visto che il numero di oggetti diminuirà. Ovviamente se viene fatto con largo anticipo è tutto tempo guadagnato.

 

Tutta l’oggettistica delicata come la porcellana o il vetro, dovrebbe essere messa negli scatoloni con dei giornali. Anche quella carta con le bolle che permette una maggiore protezione è di grande aiuto. Spesso molti tra questi oggetti non sono usati così “frequentemente”, quindi via in anticipo! Un altro modo per diminuire la mole di lavoro frefissata al giorno X quindi quando c’è il trasloco.

 

Tornando sul tema precedente, è consigliato chiedere un servizio a un’azienda del settore, ci sono molti professionisti pronti ad aiutare nei traslochi.

Editore